A CA’ DELLA NAVE IL 5° GE.CO RACING TROPHY

Pubblicato il Pubblicato in Golf news

Sono sempre festose le gare che Gianluca Bigatello organizza a Cà della Nave, e non son poche. È il suo sorriso e la sua simpatia, che invogliano a partecipare. Domenica 28 agosto faceva davvero molto caldo, tanti soci erano ancora al mare o ai monti, e tuttavia erano quasi cento le persone che vi hanno aderito in parte confortati dalla leggera brezza sempre presente in questo Campo, e tanto dalle fette di anguria che lo sponsor faceva trovare ad ogni passaggio dei team alla 10. Con il caldo, non c’è niente di meglio di spegnere così la sete. Molto gradevole! Anche se la temperatura era elevata, i giocatori han tenuto bene, si son visti ottimi score, e vale la pena di citarne qualcuno, al meno quanti sono andati al podio: Ecco infatti i vincitori:
Nella prima categoria si sono distinti EDOARDO GUGLIELMO, che nonostante il play hcp 7, ha totalizzato 40 punti stableford. PRIMO! Bravo, si è abbassato di 8 decimali, passando da hcp 5.9 a 5.1. Bravi anche FABIO BACCHIN, secondo con 38, e GIORGIO CAVAZZANO terzo con 37.
In seconda categoria, gli onori ad ANDREA FAVARO che ne ha totalizzato 39, a PAOLO ZANCANELLA con 38, a pari punteggio con ROBERTO CHIESURA che ha dovuto lasciare la seconda piazza a Paolo, per il noto speciale calcolo in caso di parimerito.
In terza categoria si è avuto il punteggio maggiore: ANDREA STRAZZARI, primo con 41 punti! Non da meno ANTONELLA BOSCARO che ne ha registrati 40, e MARCO SCARAMUZZA 38. Tutti e tre in abbassamento, rispettivamente il primo di due colpi interi, da 26.1 a 24.1, l’Antonella di dodici decimali, da 17.5 a16.3, e Marco, un po’ più contenuto.
Il vincitore del Lordo è stato RICCARDO QUERCIA, che con il suo hcp 1 ha totalizzato 35 punti.
Sono stati in molti ad abbassarsi nell’handicap (diciassette), a dimostrare l’impegno profuso di ben figurare, ma addirittura trentuno han preso e accettato di buon grado, la virgola.
Se festosa è stata la gara, ancor più lo è stata la premiazione, in quell’allegro sfondo di piscine attive. Premiazione che non si è limitata a gratificare i vincitori, bensì ad elargire premi ai numerosi golfisti che la dea bendata ha voluto far comparire. E poi, due cose hanno marcato quell’amabile momento: La prima è stato il saluto accompagnato da un presente, che Elisabetta Grandi, presidentessa dell’associazione “FUORILIMITE”, ha rivolto alla responsabile della sezione ristoro, signora Maela che lascia il posto di lavoro. La seconda, l’apprezzatissima degustazione delle speciali birre “Spiga Reale” prodotte “sur lie” con malto di grano Khorasan (Kamut), nella versione “bianca” e “ambra”, che il socio di Cà della Nave, Renzo Michieletto, produce per passione utilizzando materie prime di assoluta prima scelta, ed esclusivamente provenienti da agricoltura biologica. Un prodotto, che può esistere soltanto se fatto da un appassionato che non mira al profitto, e che riesce particolarmente apprezzato da chi di birra se ne intende.   Paolo Pilla

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *