il GAINASSO

Pubblicato il Pubblicato in Golf news

E’ ormai storica, sempre festosa, questa goliardica competizione di Golf, che in autunno il Circolo Cà della Nave annualmente propone, a far da spalla alla primaverile “Rondinassa”: Una Louisiana a cinque, in aria il profumo di tante cose buone da mangiare, e la voglia di trascorrere una giornata serena, a far da corollario al più bel gioco del mondo. Hanno partecipato sorridenti e con tanta voglia di divertirsi, centoquarantadue giocatori di vari Circoli del Triveneto, suddivisi in trenta squadre. Una giornata che dalle previsioni avrebbe potuto essere di tempo uggioso, e che si è invece manifestata molto bella, a completare l’allegria di quella brigata. La formula doveva essere una Louisiana medal, con almeno un NC per ogni team. In realtà non c’erano sufficienti NC per tutte le squadre, per cui, nel far giocare i team che non l’avevano, sono state create squadre speciali cui è stato imposto lo spiritoso nome di “fuori legge”, e che sono state oggetto di classifica a parte. Allegra la scena in Campo. Il gran buffet con postazione sistemata nel punto che fa da perno ai tee di partenza della cinque, della quindici e della diciassette, ha ricevuto la visita di tutti, che non hanno disdegnato l’indugio: trippe e musetto caldi con la polenta, prosciutto crudo, formaggio, e vino a gogo. Altra postazione godereccia era sistemata tra il tee della uno e della dieci. E qui dolci e frutta, e una speciale birra artigianale di kamut, generosamente offerta da Elisabetta Grandi, presidente dell’Associazione Fuori Limite.
Partenza shot gun, con fiato alle trombe alle 10,30, le diciotto buche si sono concluse alle 16.30, senza problemi. Viste le abbondanti libagioni, possiamo dire che la partita si è conclusa velocemente, e con buoni score. Certo qualche pallina ha preso la strada dei laghi alla due, alla quattro, e alla diciassette; e poi, più di qualche pallina ha voluto soddisfare la curiosità di avvicinarsi al casello del passante alla buca sei, il Par 5 che ha i tee maschili sopraelevati. Dannazione, Fuori Limite!! C’è stata talvolta in aria l’imprecazione. Tant’è, fa parte del gioco.
Ed ecco le squadre andate a premio, con il relativo numero di colpi:
1^     Alberto Trevisan– Enrico Trevisiol– Franco Licori– Giusy Furlanetto–Matteo       Martignon  57
2^    Gianluca Bigatello- Artemio Morosin -Alberto Giana– De Santi Marco– Simone Marini          58
3^    Gianfranco Bellini-Daniele Pesce- Giuseppe Maccarrone– Barnaba Zanon– Adriano Pesce         59
E le migliori squadre “fuorilegge”:
1^    Giancarlo Gobbo–Furio Stentella–Francesca Busetto–Conte Ruggero- Barbara Marangoni   61
2^    Ubaldo Vanzan– Luca Francescutti- Andrea Favaro– Lorenzo Fabris                              62
Il Nearest to the Pin femminile è stato appannaggio di  Anna Tosato a  mt 2.12, il maschile di Stefano Fontana a mt 0.72. Il Driving Contest femminile di Francesca Busetto, e il maschile di  Filippo Daniele.
La bella premiazione si è svolta nella barchessa, e per restare in argomento, i premi erano ricche ceste di frutta e di verdura di stagione, vini speciali, e birre particolari, tutto molto gradito ai vincitori. L’appetito vien mangiando, si dice. Sta di fatto che, conclusa la premiazione, il risotto con salsiccia, anche se non ci sarebbe stato più posto, è stato gradito.
Curioso è il nome della manifestazione “GAINASSO”: in dialetto veneto, il gallo bene in carne, maturo ormai per la pentola. Per anni il premio al vincitore del Nearest to de pin  e per il Driving contest, consisteva appunto in un grosso gallo o anche una gallina, purché bene in carne. Belle stagioni!! Oggi i premi si sono adeguati ai tempi, ma di allora è rimasto l’aspetto cameratesco e gioioso della giornata, che aiuta nelle conoscenze e alla socializzazione.       Paolo Pilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *