GOLF-BILANCIO 2016 E PROSPETTIVE 2017

Pubblicato il Pubblicato in Golf news

Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016, più che buoni i risultati registrati. Nel consuntivo dell’annata, di spicco il trionfo di Francesco Molinari al 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per gli amateur: son saliti sul tetto d’Europa con due titoli continentali, e hanno raggiunto altri importanti successi sia in campo maschile sia femminile.

Impegnativo, combattuto, divertente, con qualche colpo di scena, il 2016 è da ricordare. Il momento magico si riflette quindi sul turismo golfistico, aiutato dalla conquistata assegnazione della Ryder Cup 2022, che ha significato l’aumento del 20% di green fee venduti agli stranieri.

C’è ora grande interesse per il 2017, passione rintuzzata dal ritorno di Tiger Woods, attentamente osservato da Jason Day e Henrik Stenson, e perché no, dal nostro Francesco Molinari.

Sono appetitose le novità nel campo dei professionisti italiani: Il Tour 2017 del circuito europeo maschile, che si prospetta altrettanto lungo e faticoso della scorsa stagione, ha avuto inizio il 1° dicembre con due Championship (in Sudafrica al Leopard Creek di Malelane, e in Australia al Royal Pines nel Queensland). Correrà quest’anno su 48 appuntamenti in 27 nazioni in giro per il mondo, per completare il calendario con il World Championship a Dubai, nel mese di novembre. Due, delle 48 gare in programma, si giocheranno nella nostra penisola: Oltre all’Open d’Italia (12-15 ottobre) inserito nelle prestigiose Rolex Series, ossia i sette eventi con un montepremi di almeno sette milioni di dollari, si svolgerà anche il Rocco Forte Open (18-21 maggio) al Verdura Golf & Spa Resort nei pressi di Agrigento, con palio un milione di euro. Il Rocco Forte Open fa tornare la Sicilia tra le sedi di gara europee, dopo la competizione del 2012, giocata proprio al Verdura. La gara dà inoltre l’occasione a Sir Rocco Forte, fondatore del gruppo di hotel di lusso, di debuttare come title sponsor in un evento dell’European Tour, cosa a cui tiene particolarmente.

Sono cinque gli azzurri presenti all’European tour 2017: Francesco Molinari, Renato Paratore, Matteo Manassero, Nino Bertasio, Edoardo Molinari. Non sono tanti invero, e non si può certo dire che ci sia stato progresso in questi anni riguardo al numero: nel 1999 erano otto gli italiani sul tour. Speranze sì, ma di grande, al momento, c’è solo Francesco, che oltre al Tour europeo, è inserito anche in quello americano, unico italiano.

In campo femminile, le proette azzurre si sono impegnate al finale QS LET con grande risultato: quattro italiane, Stefania Avanzo, Lucrezia Colombotto Rosso, Francesca Cuturi, ed Elisabetta Bertini hanno conquistato la promozione al circuito 2017. Le prime due hanno ottenuto la “carta” piena per il Ladies European Tour 2017 dopo una valida prestazione nel finale di qualificazione in Marocco. Le altre due hanno conseguito una “carta condizionale” categoria 9 b, che comporta qualche limitazione di gioco, ma che le trova pur sempre inserite nel circuito. E stato un buon risultato per il golf italiano femminile, che per la prossima stagione potrà contare su ben nove giocatrici nel Tour europeo. Le quattro promosse, infatti, saranno a fianco di Diana Luna, Giulia Sergas, Stefania Croce, Margherita Rigon e Sophie Sandolo, atlete già in possesso della “carta”.

Più accettabile, meno faticoso, ma pur sempre impegnativo il calendario LET, che interessa molti Paesi: oltre all’Europa con Francia, Germania, Inghilterra, Scozia, Repubblica Ceca, Spagna, le azzurre correranno in Australia, Nuova Zelanda, Cina, Africa, Brasile, India, Cambogia, Colombia, Qatar, Giappone, per finire a Dubai con il Ladies Masters.

Di estremo interesse poi, i dilettanti (gli amateur), gli aspiranti Pro, un insieme di promesse.

Anche il loro calendario è ricco per il nuovo anno. Oltre alle manifestazioni estere, più di 100 avranno luogo in Italia tra Campionati nazionali e internazionali, Tornei a squadre, Gare nazionali a 72, 54, e 36 buche, Trofei giovanili federali, e Campionati regionali. Nell’insieme degli eventi sarà presente, e di spicco, il Veneto con il “Nazionale Ragazzi” – match-play (Trofeo Andrea Brotto), con il “Nazionale Ragazze” – match-play (Trofeo Roberta Bertotto) entrambi giocati a Padova, e il 65esimo Leone di San Marco, combattuto al Venezia.

Insomma, se il bilancio 2016 è stato sicuramente positivo per il tricolore, il 2017 può riservare tante sorprese che ci auguriamo siano altrettanto concrete.          Paolo Pilla

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *